“Come è bello e soave che
i fratelli vivano insieme” (Sal 133, 1)

Bellezza, convenienza, contatto: un bellissimo trinomio

Carissime famiglie,
il mese di febbraio è dedicato al mistero della Vita che nasce, cresce, si sviluppa, evolve meravigliosamente. La vita è un dono speciale di Dio che va accolta con cura, gioia, amore. Occorre tutto un cammino di profonda cura e attenzione per percepirla nella sua bellezza e poterla accogliere e cogliere nella sua preziosità. Nulla può essere appiccicato o improvvisato.
La vita ci riporta con immediatezza all’opportunità e al dono delle relazioni. Non si può vivere senza avere veri legami con se stessi, con i familiari e legami fraterni, amicali e di conoscenza con gli altri.
Persino l’inimicizia è un legame non ancora riuscito che richiede attenzione, cura, perché tutto può rinascere. L’inimicizia è spesso un grido d’ invocazione di perdono inespresso che può venire fuori e fare miracoli.
Quante persone vivono non riuscendo ad instaurare serene relazioni sincere in casa, con i vicini di casa…? E se guardiamo al nostro mondo, afflitto da ben 67 guerre e da tanti altri focolai di conflitti che possono trasformarsi in altre guerre, ci rendiamo conto che proprio la mancanza di educazione all’incontro, a sane e nutrienti relazioni da parte di tanti che hanno responsabilità a livello mondiale, nazionale o locale, generano divisioni, violenza, vendetta e morte.
“Come è bello e soave che i fratelli vivano insieme”: com’è vera questa Parola!
Alcune persone anziane, avendo litigato con i vicini di casa, trenta, quaranta o più anni fa, incapaci di perdono, vivono da sole, con i figli lontani, in case spaziose, nelle quali regna solo tristezza cupa. Sono in difficoltà, senza l’aiuto di alcuno.
L’inimicizia, il non saluto dell’altro crea un muro invisibile ma reale che non permette facilmente di entrare in relazione con gli altri.
Ma l’amore di Dio in noi è miracoloso!
Tutto è possibile a chi ricomincia! È salutare e conveniente iniziare a creare un piccolo legame col prossimo. Dà gioia donare agli altri  un messaggio lento e progressivo di distensione. Fare le cose “con tatto” e attenzione porta, nel tempo, al semplice contatto con gli altri. E questa non è poca cosa ma una gran cosa.
Crediamo nella vita in noi e negli altri perché in essa si nasconde Dio. Auguri: a piccoli passi, grandi miracoli di vita avverranno!
Benedici o Signore le relazioni all’interno delle nostre case, dei nostri palazzi,  quartieri e Città. Fa’ scaturire una sorgente di amore e di pace, sanando relazioni bloccate o  inespresse facendole fluire nel grande oceano di misericordia del Tuo Amore. Amen.

Auguri di buon cammino

p. Giorgio  

Comunicazioni di p.Giorgio